Skip to content

Gomitolo n. 2. Il corridoio

27 febbraio 2010

Sul notturno Milano – Lecce i miei compagni di viaggio russavano vigorosamente.

Uscii dallo scompartimento. Avevo voglia di camminare.

Il finestrino del corridoio mi rifletteva all’improvviso giallognola e spettinata.

Abbassai la testa cullata malamente dalle vibrazioni ferruginose dell’Espresso 976.

Camminai barcollando fino all’altro capo del vagone misurando con i passi la lunghezza del corridoio ondeggiante.

Quarantacinque passi. Mi appoggiai qualche istante con la schiena alla porta che divideva le due carrozze prima di decidere di tornare indietro.

Le palpebre si abbassavano appesantite dal sonno. In realtà non c’era nulla da vedere. Il corridoio ondeggiante era diventato tutto nero. C’era solo un assordante rumore ferroso e una corrente gelida che mi arrivava dritta sul viso.

E, in attesa che tornasse la luce che mi rifletteva giallognola, ritornai bambina.

Ho quattro anni. Rituale della buonanotte, siamo in cucina. Bacio papà e mamma e, tirando il Topo Gigio di pezza per un orecchio, vado nella mia cameretta.

E’ l’ultima stanza in fondo ad un lungo corridoio. La porta è aperta e da lontano vedo la luce rossa del mio angioletto notturno che illumina il comodino.

E come tutte le sere non accendo la luce.  Mi metto al centro esatto del corridoio, strizzo gli occhi forte forte, trattengo il respiro gonfiando le gote, stringo il Topo Gigio di pezza fra le braccia e corro. Corro forte per il corridoio che mi sembra lunghissimo e intanto butto piano piano fuori l’aria come si fa quando si nuota sott’acqua.

Arrivo nella cameretta con il cuore in gola e, quando riapro gli occhi, tutta la stanza mi sembra rossa come l’angioletto rosso sul comodino.

Non accendevo mai la luce nel corridoio, mai. E ogni sera soffiavo e correvo per quel corridoio buio con il Topo Gigio di pezza fra le braccia. Mi piaceva passare dalla paura alla felicità in apnea, quasi mi mettessi alla prova. In realtà correvo perché quei muri avevano le braccia, orrende, lunghe e scheletriche braccia che spuntavano dall’intonaco con l’intento di afferrare me e Topo Gigio.

Io non gliel’ho detto mai ai miei genitori che avevo paura delle braccia del corridoio e loro non mi hanno mai chiesto perché corressi soffiando con Topo Gigio al cuore.

Il treno ora correva nel buio a velocità sostenuta e con scosse sempre più invadenti.

Attraversai il corridoio a occhi chiusi, da parte a parte, fino al mio scompartimento, contando i passi, quarantacinque. Quando riaprii gli occhi era tornata la luce. Il finestrino del corridoio mi rifletteva di nuovo giallognola, di nuovo spettinata.  Avevo di nuovo 30 anni.


Annunci
11 commenti leave one →
  1. Lucia permalink
    27 febbraio 2010 10:17

    Brava!

  2. Jessica Carrieri permalink
    27 febbraio 2010 10:51

    Grazie Lu, buon sabato smackkkk 🙂

  3. 27 febbraio 2010 12:08

    Molto toccante.
    .:.

  4. 27 febbraio 2010 12:30

    Grazie del “viaggio temporale”; un post che rapisce. 🙂

    A presto. 🙂

  5. Jessica Carrieri permalink
    27 febbraio 2010 13:13

    Grazie Andrea, a presto 😉

  6. 27 febbraio 2010 14:22

    Corridoi che uniscono tempi e luoghi diversi… bello, sì.

  7. 28 febbraio 2010 14:21

    Bellissimo 🙂

  8. Jessica Carrieri permalink
    28 febbraio 2010 15:40

    ma grazie 🙂

  9. 1 marzo 2010 13:17

    Sempre bello affrontare e vincere le proprie paure! A 3 come a 30 anni.. 🙂

  10. Jessica Carrieri permalink
    1 marzo 2010 13:40

    Ps: ora ne ho qualcuno di piu’, ma che rimanga tra noi. Ciao Ele ^_^

  11. cristina permalink
    1 marzo 2010 15:50

    bello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: