Skip to content

Gomitolo n. 14. Caffè

12 febbraio 2012

Il giallo oro dell’insegna del bar sotto casa. La pioggia che la scolora ogni inverno. Cammino sempre lentamente la mattina quando vado a bere il mio primo caffè.

Mentre la città scivola sulle strade con i fanali e i lampioni ancora accesi io la tengo a distanza con il mio passo molle e indifferente, quasi fosse l’eco di uno sciabordio che ancora non mi riguarda.

 Il caffè è il mio contagocce nero del tempo nei pochi minuti che mi separano dal rumore e dalla velocità di una giornata arrogante che pretenderà i miei muscoli e ogni mia attenzione.

Gli occhi seguono distrattamente le mani agili del barista, indugiano su qualche riflesso freddo delle suppellettili di acciaio e incrociano furtivamente gli sguardi degli avventori trafelati.

Il profumo dello zucchero sciolto, lo sbuffo del vapore, le tazzine lavate velocemente nel lavello, i passi svelti alle mie spalle, la porta che si apre e richiude continuamente, quasi lamentandosi di quel via vai mentre io resto immobile al bancone davanti a quel tondo nero che diventa il mio specchio mattutino.

La bocca alita parole ancora notturne sul bordo caldo della tazzina, indecisa tra ieri e oggi, fino l’ultimo sorso di caffè che come una sveglia improvvisa mette fine all’inconsistente resoconto quotidiano al quale mi costringo ogni mattina giocando tra emozioni incoerenti e pensieri accumulati che mi illudo di saper archiviare diligentemente nello spazio e nel tempo e che, invece, mi limito a lasciare confusi al bancone del bar dove li ritrovo intatti il giorno dopo.

Impugno forte la borsa, tiro indietro le spalle e con gambe rigide e svelte mi lascio indietro quel profumo nero che mi insegue ancora per qualche metro, giusto il tempo di ricordarmi l’aroma malinconico e ormai lontano di un altro caffè, quello che non abbiamo mai bevuto insieme.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 12 febbraio 2012 18:30

    Ben raccontato.. e poi a me piace il caffè!

  2. Jessica Carrieri permalink
    12 febbraio 2012 19:50

    Sì Francesco, conosco il tuo amore per il caffè 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: